Come pubblicare un libro: le opzioni a tua disposizione


Come pubblicare un libro è una domanda che si pongono molti autori, sia esordienti che affermati. Sembrer´strano, ma anche chi ha gi´pubblicato diversi libri potrebbe trovarsi davanti a situazioni in cui non sia chiaro come muoversi. Pubblicare un libro significa rendere il proprio lavoro accessibile al pubblico, sia in formato cartaceo che digitale. Pubblicare un libro significa anche affrontare una serie di sfide e di scelte, che riguardano sia gli aspetti pratici che quelli creativi. In questo articolo ti spiegherò come pubblicare un libro, illustrandoti le diverse opzioni possibili, in considerazione dei loro vantaggi e svantaggi.


1. L’editoria tradizionale

L’editoria tradizionale è la forma più classica e prestigiosa di pubblicazione di un libro. Si tratta di affidare il proprio manoscritto a una casa editrice, che si occupa di valutarlo, correggerlo, impaginarlo, stamparlo, distribuirlo e promuoverlo. L’autore riceve in cambio una percentuale sulle vendite, detta royalty, che varia in base al contratto stipulato e non ha alcun costo per vedere pubblicato il proprio manoscritto.

Per pubblicare un libro con l’editoria tradizionale devi:

• Preparare il tuo manoscritto seguendo le norme richieste dalla casa editrice a cui vuoi inviarlo. Puoi consultare le loro linee guida sul loro sito web o sul loro catalogo, perché ognuna fa richieste specifiche e il rischio che si corre nel non rispettarle è che il tuo manoscritto venga cestinato senza esser letto.
• Scrivere una email di presentazione in cui esponi brevemente chi sei (biografia/bibliografia), di cosa parla il tuo libro (sinossi) e perché ritieni sia di possibile interesse per quella casa editrice.
• Inviare il tuo manoscritto e la tua lettera di presentazione alla casa editrice, tramite email (quasi più nessuno accetta posta ordinaria). Puoi farlo direttamente o tramite un agente letterario, che è una figura professionale che ti rappresenta e negozia per te le condizioni del contratto (ma di questo parleremo in un rossimo articolo).
• Attendere la risposta della casa editrice, che può essere positiva, negativa o richiedere delle modifiche. I tempi di attesa possono variare da qualche settimana (quasi mai) a qualche mese (anche 8-10 mesi). La maggior parte delle CE risponde solo in caso di interesse.

I vantaggi dell’editoria tradizionale sono:

• La qualità editoriale del tuo libro, garantita dal lavoro di professionisti qualificati.
• La visibilità del tuo libro, assicurata dalla distribuzione nelle librerie e dalla promozione sui media.
• Il prestigio del tuo libro, riconosciuto dal marchio della casa editrice e dalle recensioni con più probabilità positive.

Gli svantaggi dell’editoria tradizionale sono:

• La difficoltà di accedere al mercato editoriale, data la forte concorrenza e la scarsa disponibilità delle case editrici a investire su nuovi autori.
• La perdita di controllo sul tuo libro, dovuta alla cessione dei diritti d’autore e alla possibilità di subire delle modifiche imposte dalla casa editrice.
• La bassa remunerazione del tuo libro, dovuta alla ridotta percentuale sulle vendite e ai lunghi tempi di pagamento (solitamente ogni anno).

2. L’autopubblicazione

L’autopubblicazione è la forma più moderna e innovativa di pubblicazione di un libro. Si tratta di gestire in prima persona tutte le fasi della produzione e della diffusione del proprio libro, senza passare per una casa editrice. L’autore si assume tutti i costi e tutti i rischi del processo editoriale, ma anche tutti i benefici e tutti i diritti.

Per autopubblicare un libro devi:

• Preparare il tuo manoscritto seguendo le norme richieste dalla piattaforma online o dal servizio di stampa a cui vuoi affidarti. Puoi consultare le rispettive linee guida sul loro sito web o sul loro manuale.
• Scrivere una scheda informativa in cui riassumi chi sei, di cosa parla il tuo libro e quali sono le sue caratteristiche tecniche (formato, numero di pagine, prezzo, etc.) Questo comporta una certa esperienza e non è banale, perché rappresenta il modo in cui presenterai al pubblico il tuo libro.
• Caricare il tuo manoscritto e la tua scheda informativa sulla piattaforma online o sul servizio di stampa, scegliendo le opzioni di pubblicazione che preferisci (cartaceo, digitale, print on demand, etc.).
• Creare un press kit e promuovere il tuo libro attraverso i canali che ritieni più efficaci (social media, blog, recensioni, eventi, etc.). Il tuo comunicato stampa va fatto con specifici criteri e non come capita, anche di questo parleremo in un prossimo articolo.

I vantaggi dell’autopubblicazione sono:

• La libertà creativa del tuo libro, garantita dal fatto che sei tu a decidere tutto sul tuo lavoro, senza dover rendere conto a nessuno.
• La rapidità di pubblicazione del tuo libro, assicurata dal fatto che sei tu a stabilire i tempi e le modalità del processo editoriale, senza dover attendere le risposte di terzi.
• La redditività del tuo libro, dovuta al fatto che sei tu a incassare tutto il ricavato delle vendite, senza dover pagare delle commissioni a intermediari (indubbiamente maggiore rispetto alle CE tradizionali).

Gli svantaggi dell’autopubblicazione sono:

• La responsabilità editoriale del tuo libro, dovuta al fatto che sei tu a occuparti di tutte le fasi della produzione e della diffusione del tuo libro, senza poter contare sull’aiuto di professionisti qualificati (cosa che spesso porta la maggior parte degli autori a non essere costanti nel tempo e ad abbandonare il progetto dopo due o tre mesi di fatiche richieste per diffondere il libro).
• La difficoltà di visibilità del tuo libro, dovuta al fatto che sei tu a promuovere il tuo libro in un mercato editoriale saturo e competitivo, senza poter usufruire della distribuzione nelle librerie e della promozione sui media.
• La scarsa reputazione del tuo libro, dovuta al fatto che l’autopubblicazione è ancora vista con diffidenza da una parte del pubblico e della critica, che la associa a una bassa qualità editoriale.
• La bassa qualità del prodotto se non si viene seguiti da professionisti come editor o coach letterari.

3. L’editoria a pagamento

Eccoci giunti a quello che, personalmente, ritengo “il male dell’editoria”. L’editoria a pagamento è una forma ibrida tra l’editoria tradizionale e l’autopubblicazione, ma che raccoglie per la maggior parte aspetti negativi e, per questo, non dovrebbe mai essere considerata dagli autori. Si tratta di affidare il proprio manoscritto a una pseudo casa editrice, che si dovrebbe occupare di valutarlo, correggerlo, impaginarlo, stamparlo, distribuirlo e promuoverlo. Di solito, la valutazione e la correzione vengono saltate letteralmente, ecco perché le considero false case editrici che guadagnano sui sogni di autori inesperti. L’autore, infatti, deve pagare una quota alla casa editrice per coprire le spese editoriali e non riceve nessuna royalty sulle vendite.

Per pubblicare un libro con l’editoria a pagamento devi:

• Preparare il tuo manoscritto seguendo le norme richieste dalla casa editrice a cui vuoi inviarlo (ma di solito non serve farlo, prendono tutto, basta che paghi).
• Scrivere una lettera di presentazione in cui esponi brevemente chi sei, di cosa parla il tuo libro e perché lo ritieni interessante per la casa editrice (anche questo spesso è superfluo).
• Inviare il tuo manoscritto e la tua lettera di presentazione alla casa editrice, tramite email. Difficilmente le agenzie letterarie si “sporcano” con queste dinamiche, e se lo fanno, non sono agenzie serie, meglio rivolgersi ad altri.
• Accettare la proposta della casa editrice, che prevede il pagamento di una quota variabile in base al servizio richiesto e la rinuncia alle royalty sulle vendite.

I vantaggi dell’editoria a pagamento sono:

• La facilità di accesso al mercato editoriale, data la maggiore disponibilità delle case editrici a investire su nuovi autori, purché paghino una quota.
• Raramente (dovrei dire quasi mai, ma qualche caso esiste), la qualità editoriale del tuo libro, garantita dal lavoro di professionisti qualificati.
• La visibilità del tuo libro, assicurata dalla distribuzione nelle librerie e dalla promozione sui media.

Gli svantaggi dell’editoria a pagamento sono:

• Il costo elevato del tuo libro, dovuto al fatto che devi pagare una quota alla casa editrice per coprire le spese editoriali e non ricevi nessuna royalty sulle vendite (di solito, dai 1000 € ai 10000 €).
• La perdita di controllo sul tuo libro, dovuta alla cessione dei diritti d’autore e alla possibilità di subire delle modifiche imposte dalla casa editrice.
• Il rischio di truffa del tuo libro, dovuto al fatto che alcune case editrici a pagamento sono poco serie e professionali e si approfittano degli autori ingenui o disperati.
• La perdita di credibilità nel settore editoriale. Chi ha pubblicato con CE a pagamento, poi difficilmente viene considerato da CE serie, per questo è altamente consigliato evitare sempre questi falsi editori.

4. L’editoria collaborativa

L’editoria collaborativa è una forma alternativa e partecipativa di pubblicazione di un libro. Si tratta di coinvolgere il pubblico nel processo editoriale, sia nella fase di finanziamento che in quella di promozione del proprio libro. L’autore si avvale di una piattaforma online o di un servizio di crowdfunding, che gli permette di presentare il suo progetto e di raccogliere dei fondi da parte dei lettori interessati. L’autore riceve in cambio una percentuale sulle vendite, detta royalty, che varia in base al contratto stipulato.


Per pubblicare un libro con l’editoria collaborativa devi:

• Preparare il tuo manoscritto seguendo le norme richieste dalla piattaforma online o dal servizio di crowdfunding a cui vuoi affidarti. Puoi consultare le loro linee guida sul loro sito web o sul loro manuale.
• Scrivere una presentazione in cui esponi chi sei, di cosa parla il tuo libro, qual è il tuo obiettivo di raccolta fondi e quali sono le ricompense che offri ai tuoi sostenitori (copie del libro, ringraziamenti, dediche, etc.).
• Caricare il tuo manoscritto e la tua presentazione sulla piattaforma online o sul servizio di crowdfunding, scegliendo le opzioni di pubblicazione che preferisci (cartaceo, digitale, print on demand, etc.).
• Promuovere il tuo progetto attraverso i canali che ritieni più efficaci (social media, blog, recensioni, eventi, etc.) e coinvolgere il tuo pubblico nella realizzazione e nella diffusione del tuo libro.

I vantaggi dell’editoria collaborativa sono:

• La partecipazione attiva del tuo pubblico, che ti sostiene economicamente e moralmente e ti aiuta a creare una comunità di lettori fedeli e coinvolti.
• La qualità editoriale del tuo libro, garantita dal lavoro di professionisti qualificati che collaborano con la piattaforma online o con il servizio di crowdfunding. Il consiglio, anche qui, è sempre quello di far revisionare il tuo libro da un esperto (editor o coach letterario).
• La visibilità del tuo libro, assicurata dalla distribuzione nelle librerie e dalla promozione sui media, grazie al supporto della piattaforma online o del servizio di crowdfunding.

Gli svantaggi dell’editoria collaborativa sono:

• Il rischio di non raggiungere il tuo obiettivo di raccolta fondi, dovuto al fatto che devi convincere il tuo pubblico a investire sul tuo progetto e a fidarsi della tua proposta.
• La dipendenza dalla piattaforma online o dal servizio di crowdfunding, dovuta al fatto che devi seguire le loro regole e le loro condizioni e pagare delle commissioni per il loro servizio.
• La difficoltà di differenziarsi dal mercato editoriale, dovuta al fatto che l’editoria collaborativa è ancora una forma emergente e poco conosciuta dal pubblico e dalla critica.


Conclusioni

Come hai visto, per sapere come pubblicare un libro servono molte informazioni e una pianificazione legata a un’analisi del mercato editoriale per il proprio genere letterario. Questo richiede impegno, costanza e soprattutto pazienza. Seguendo le opzioni che ti ho illustrato in questo articolo potrai sapere come pubblicare un libro nel modo giusto e raggiungere i tuoi obiettivi, valutandone i pro e i contro.

Non perdere tempo e organizzati per pubblicare il tuo libro!😊

Se poi vuoi una consulenza e capire come crescere rapidamente seguendo un percorso con un Coach Letterario che può fare la differenza e ridurre le tempistiche anche di anni, puoi sempre contattarmi.


Se vuoi prenotare una call gratuita con me, non esitare, parleremo del tuo libro per soddisfare le tue esigenze e i tuoi desideri, analizzando le opzioni più adatte al tuo caso!

Simone Colaiacomo